fbpx

Capirsi… perché è così difficile? A volte basterebbe solo…

Gabriele Pagnini - Ing. del Pensiero

Gabriele Pagnini - Ing. del Pensiero

Tempo di lettura: 3 minuti circa

capirsi

«Quanto pensi sia importante prestare attenzione al significato profondo che diamo alle parole?»

Si, è vero, alcune volte c’è qualcosa di magico che riesce a metterci in connessione con le persone che frequentiamo, ma sappiamo che non sempre va così

Immagina una situazione come questa: dopo una settimana di duro lavoro è giunto il momento per “ricaricare le batterie”. Il tuo compagno, o la tua compagna, ti dice: «Non ti preoccupare, penso a tutto io».

Come fai a non preoccuparti se non sai qual è il significato profondo che lui, o lei, da alle parole “ricaricare le batterie”? 

Tu, ad esempio, come fai a ricaricare le tue, di batterie? 

Potrebbe essere che per uno dei due una buona idea sia quella di starsene tutto il giorno sotto l’ombra di una quercia a leggere un buon libro… e per l’altro invece alzarsi la mattina prestissimo e fare un bel giro in bici

Certo… l’intento è lo stesso e anche l’utilizzo delle parole è corretto… ma… è probabile che uno dei due rimanga molto deluso dall’idea brillante dell’altro. 

«Quanto pensi sia importante prestare attenzione al significato profondo che diamo alle parole?» 

(liberamente tratto dai miei “Pensieri Spericolati”) 

Già, capirsi… che mistero!

Chissà quante volte sarà capitato anche a te di pensare:

«Non riesco a farmi capire… io ce la metto tutta ma non ci riesco!»

«Non mi capisce, non c’è niente da fare, è un’impresa impossibile, non mi capisce!»

«Non ci capiamo, è una vita che ci conosciamo ma su certe cose non ci capiamo proprio!»

È vero, a volte riuscire a capirsi sembra più una faccenda di magia che di ragione e di buon senso.

Ma noi siamo esseri pensanti (almeno così si dice in giro!) e la scienza ci definisce animali sociali

…quindi, anche se a volte l’impresa ci sembra enorme, dobbiamo, possiamo e spero vogliamo fare qualcosa.

Cosa ne pensi?

Ti va di accompagnarmi prima in un ragionamento e poi in un gioco?

In questo breve articolo non ho la pretesa di approfondire un tema complesso e ampio come la “comunicazione” sul quale, come sai, si è scritto tanto e sono disponibili corsi di tutti i tipi.

Preferisco mostrarti le cose in modo diverso: darti una chiave che ti permetta di aprire la prima porta verso una comunicazione efficace.

Prova a pensare a qualche situazione durante la quale era evidente che i “protagonisti” del dibattito stavano parlando ma non si stavano capendo: una discussione in famiglia, un incontro di lavoro, la classica chiacchierata in spiaggia, per non parlare della proverbiale riunione di condominio “fantozziana”.

Pensaci bene!

Cosa hai notato? Cosa hai visto? Cosa hai capito?

Le incomprensioni erano dovute a reali distanze sul contenuto o … al “senso” che ogni interlocutore stava dando alle parole?

Posso raccontarti mille storie dove la causa del “non capirsi” era proprio lì: nel non intendersi sul significato che ognuno stava dando alle parole.

Più continuo a farci attenzione e più me ne convinco.

Ci sono alcune parole (che io chiamo a “largo spettro semantico”) che possono avere tanti significati. E per ogni significato ognuno di noi può dare decine di interpretazioni personali!

Un esempio? Pensa ad una parola come “divertirsi”.

Per te è divertente…

  • …vedere un film horror?
  • … leggere un “classico” di 1200 pagine?
  • … andare in discoteca fino alle 4 del mattino?

(in verità ti ho confessato tre cose che per me sono terribilmente NON divertenti!)

Eppure, dico io, tanti film horror hanno successo, i classici hanno moltissimi lettori e le discoteche aprono alle 2 di notte e sono sempre piene…

Prima di partire per una giornata con un amico che ti dice: «Io e te ci divertiremo un sacco», pensi sia il caso di chiedergli: «Scusa ma cosa intendi per divertimento?»

Quante ne ho viste di situazioni come queste, nella vita e nella professione di consulente aziendale!

Quasi sempre sarebbe bastata una semplice ma coraggiosa domanda di chiarimento come: «Ti chiedo scusa ma… cosa intendi per…?»

… eppure…

… quella semplice domanda quasi mai è stata fatta e così…

… avanti con incomprensioni, discussioni interminabili, litigate, …

Il titolare che urla al capo tecnico: «Ti avevo chiesto un lavoro ben fatto e mi presenti questa schifezza?»

Se, prima di fare il lavoro, il tecnico avesse avuto la prontezza e il coraggio di chiedere al titolare: «Scusa ma cosa intendi per ben fatto? Puoi darmi qualche specifica in più? Che cosa vuol dire per te ben fatto, in questo momento, in questo contesto, con questi strumenti, in questo tempo prefissato e tenendo conto che…»

Quanto credi sia importante e utile Saper Pensare, Saper Comunicare e Sapersi Relazionare?

Ho un’idea. La trovi alla fine dell’articolo.

Da quando ho iniziato ad occuparmi di coaching e di Ingegneria del Pensiero la mia visione è totalmente cambiata!

Oggi, quando mi trovo in situazioni come quelle, mi pongo sempre queste due domande:

«Perché non si stanno (o non ci stiamo) capendo?

C’è sintonia sul significato profondo delle parole che stanno (o stiamo) usando?» 

Prova anche tu! Poniti queste due semplici ma sostanziali domande!

… poi osserva come evolvono le cose.

Il pensiero spericolato che hai letto all’inizio chiudeva così:

«Quanto pensi sia importante prestare attenzione al significato profondo che diamo alle parole?»

Adesso mi sento di aggiungere: «In un percorso verso il “capirsi”, quanto pensi sia importante partire dalla condivisione del significato profondo che tu e le persone con cui ti relazioni, date alle parole? E quanto pensi sia importante cercare e trovare una sintonia sul quel significato?».

Nel prossimo articolo ti consegnerò quella chiave che ti permetterà di aprire la prima porta verso una comunicazione efficace.

Sei curioso? Ti va di sperimentare una piccola-grande cosa?

Buon viaggio e come sempre… viva la curiosità!

P.S. Condividi questo articolo se credi possa essere di aiuto ad altre persone!

 

 

Condividi su facebook
Condividi su Facebook
Condividi su twitter
Twitta
Condividi su linkedin
Condividi su Linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su Whatsapp

Quanto credi sia importante e utile Saper Pensare, Saper Comunicare e Sapersi Relazionare?

Che cos’è il Pensiero? Quanto, il tuo Saper Pensare, influisce sulla qualità della tua vita, delle tue relazioni e del tuo lavoro?

Scrivimi! 

Ti risponderò personalmente.

TI REGALO IL MIO LIBRO!

Credi anche tu che dedicare qualche ora alla lettura, soprattutto in questo periodo difficile, possa essere un buon modo per mantenere tonica la mente?

Compila il modulo qui sotto per accedere al libro in formato digitale!

ingegneria del pensiero
Privacy Policy