fbpx

Vuoi sviluppare una comunicazione efficace? Fai questo gioco!

Gabriele Pagnini - Ing. del Pensiero

Gabriele Pagnini - Ing. del Pensiero

Oggi ti propongo un “gioco di comunicazione”. Ma prima facciamo un rapido passo indietro…

Nel precedente articolo ti ho raccontato perché pongo attenzione a un argomento specifico all’interno del mondo della comunicazione, cioè…

…l’importanza di intendersi sul significato profondo che diamo alle parole.

comunicazione efficace gioco

Se non lo hai già letto questo è il link.

C’eravamo lasciati con questa domanda:

«In un percorso verso il “capirsi”, quanto pensi sia importante partire dalla condivisione del significato profondo che tu e le persone con cui ti relazioni, date alle parole? E quanto pensi sia importante cercare e trovare una sintonia sul quel significato?».

Ti avevo promesso di consegnarti una chiave che ti permetterà di aprire la prima porta verso una comunicazione efficace.

Eccomi qui…

… iniziamo?

Un gioco per creare una comunicazione efficace

Quello che ti propongo è, come dicevo all’inizio, una specie di gioco. A me piace parecchio e ti garantisco che è molto utile e anche divertente (ovviamente nel mio modo di vedere il divertimento, che spero sia anche il tuo!)…

L’ho fatto tante volte in prima persona e altrettante l’ho proposto, ottenendo in moltissimi casi ottimi risultati.

È tutto molto semplice e non richiede niente di particolare, se non la voglia di imparare giocando.

Il fatto che il gioco richieda di scrivere ha un perché ben preciso: la mia esperienza e molti studi in merito, infatti, dimostrano che l’atto dello scrivere, facendo seguire alla nostra mente un percorso di elaborazione “neuro-logico” articolato e organizzato, facilita e rinforza tutti i percorsi di apprendimento.

Fai in modo di crearti una situazione tranquilla e riservata in cui sei con un lui o una lei (magari una persona alla quale tieni in particolar modo).

Ti servono:

  • un clima “amichevole”
  •  un po’ di tempo
  • due penne
  • qualche foglietto di carta

Scegli tu lo scenario ideale, io mi vedo bene davanti ad una buona tisana in un posto che so io… va benissimo anche una birra o un buon bicchiere di vino!

Chiedi alla persona che è con te se ha piacere di fare questo semplice gioco di comunicazione. Descrivine il senso e lo scopo, senza scendere nei dettagli. Si tratta semplicemente di…

…condividere il significato di alcune parole scelte.

Il gioco si sviluppa in tre fasi.

Prima fase del gioco di comunicazione: la scelta delle parole

Nel parlare di qualsiasi cosa, man mano verranno fuori quelle parole “belle corpose”, quelle che possono avere mille significati (nell’articolo precedente le ho chiamate“ad ampio spettro semantico”).

Quando arrivano, ne scegliete alcune (tre o quattro parole possono bastare).

Per aiutarti a capire con quale criterio sceglierle, aggiungo un ulteriore esempio (nell’articolo ne avevo fatti altri).

Pensa ad una parola come “riposare”.

Cosa significa per te “riposare”?

… stare a letto fino a mezzogiorno o andare a correre in spiaggia la mattina presto o…?

… guardare la televisione sul divano sotto lo “scaldotto” con i calzettoni di lana o andare a fare shopping in un ipermercato o…?

… preparare una bella cenetta intima in casa o andare nel miglior ristorante della città a mangiare e sorseggiare un buon bicchiere di vino o…?

Pensa a quanti paroloni di questo tipo utilizziamo senza dare loro il giusto peso. Senza riflettere sul significato che ognuno di noi gli dà.

… ricchezza, successo, sintonia, gioco, lavoro, amicizia, condivisione…

(queste sono ovviamente miei esempi, voi userete le vostre scelte)

Sono stato chiaro?

Nella prima fase, mentre parlate, dovete solo scegliere le parole. Uno dei due ha detto una parola che sembra importante? Uno sguardo di approvazione e la scrivete su un foglio. Poi continuate nel dialogo.

Nota: se litigate già sulla scelta delle parole, non è un buon inizio! (scherzo ovviamente).

Quando siete arrivati ad un punto in cui la chiacchierata può concedersi una pausa, iniziate la fase due…

Seconda fase: il significato profondo

Fate un bel respiro e bevete un sorso di tisana. Prendete qualche minuto per scrivere, ognuno sul suo foglietto, il “significato profondo” e personale delle parole scelte.

Per me “sintonia” significa…

Io per “riposo” intendo…

Per me “giocare” vuol dire…

Per me “…”

Cosa ne pensi?

Ti sei mai fermata/o a pensare e scrivere il significato che dai alle parole che usi?

A questo punto inizia la fase tre (e qui c’è da divertirsi veramente!)…

Terza fase: la condivisione dei significati

Per ogni parola scelta, leggete ciò che avete scritto e confrontatevi (se possibile sempre in un clima amichevole!)…

Vedrete quante sorprese e quanto è potente questo scambio di significati!

«In un percorso verso il “capirsi”, quanto pensi sia importante partire dalla condivisione del significato profondo che tu e le persone con cui ti relazioni date alle parole? E quanto pensi sia importante cercare e trovare una sintonia sul quel significato?».

Questa è la chiave di cui ti parlavo: la chiave per aprire la prima porta verso una comunicazione efficace.

Io credo che questo “gioco di comunicazione” sia fantastico e continuerò a farlo!

E tu?

Buon gioco e come sempre… viva la curiosità!

P.S. Condividi questo articolo se credi possa essere utile ad altre persone.

 

 

 

Condividi su facebook
Condividi su Facebook
Condividi su twitter
Twitta
Condividi su linkedin
Condividi su Linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su Whatsapp

Inizia il tuo Viaggio nella Ingegneria del Pensiero!

  • Potrai disporre di contenuti riservati solo a te
  • Sarai sempre aggiornato sulle nuove uscite
  • Riceverai ogni mese in esclusiva un mini-ebook in PDF
Privacy Policy
gabriele pagnini autore

Inizia il tuo Viaggio nella Ingegneria del Pensiero!

  • Potrai disporre di contenuti riservati solo a te
  • Sarai sempre aggiornato sulle nuove uscite
  • Riceverai ogni mese in esclusiva un mini-ebook in PDF
Privacy Policy